Workshop di Kintsugi con tecnica semplificata

Domenica 18 novembre 2018 dalle ore 09:30 alle 13:30

L’arte kintsugi è un’antica tecnica giapponese che consiste nel riparare oggetti in ceramica mettendo in evidenza le crepe con polvere d’oro. Nasce alla fine del 1400, influenzata dall’estetica wabi sabi e dalla filosofia Zen. La tecnica originale giapponese prevede l’uso della lacca autoctona urushi e della polvere d’oro.

Il corso “kintsugi, l’arte di riparare con l’oro” è aperto a chi vuole conoscere una parte di mondo giapponese, fatto di poesia e arte, filosofia e cerimonia del tè. È condotto da Chiara Lorenzetti, restauratrice dal 1991 presso Chiarartè, a Biella, studiosa e restauratrice di kintsugi.

PROGRAMMA COMPLETO DEL CORSO
-Storia dell’arte Kintsugi.
-Higashiyama bunka: la nascita della cerimonia del tè, l’Ikebana, il sumi-e, il teatro No e la produzione ceramica.
-Mushin e mono no aware, la filosofia del Kintsugi. -Rottura, il suo significato.
-Studio di un oggetto in ceramica e sua rottura. -Restauro Kintsugi con resina e polvere d’oro.
-Yobitsugi e maki-e, diversi approcci artistici al Kintsugi

DOVE: La Teiera Eclettica, via Melzo 30, Milano

Massimo 10 partecipanti

INFO E ISCRIZIONI: info@giapponeinitalia.org

Per tutte le info –> http://www.giapponeinitalia.org/corso-di-kintsugi/

Presentazione del libro Lights of Japan

Mercoledì 14 novembre, ore 18:30 – Lights of Japan di Andrea Lippi

L’autore e fotografo, Andrea Lippi, presenterà il suo libro di fotografie scattate in Giappone che verranno proiettate durante l’incontro. La presentazione della durata di circa 90 minuti verrà accompagnata da una tazza di tè … giapponese!

L’incontro è gratuito ma i posti sono limitati, vi chiediamo di confermare la partecipazione inviando una mail a newsletter@teieraeclettica.it indicando il vostro nome e un recapito telefonico.

Dimostrazione di Temomi 手揉み

sabato 20 e domenica 21 ottobre – E’ il processo di arrotolamento manuale delle foglie per produrre tè sencha.I macchinari che oggi sono utilizzati per le diverse fasi di arrotolamento delle foglie sono stati inventati proprio simulando il lavoro di mani esperte cheancora oggi portano avanti una tradizione antica. Le foglie vengono lavorate su un tavolo di legno chiamato “hoiro” 焙炉 che ha sulla superficie un largo foglio di carta washi chiamato “jotan” 助炭. Chi passerà a trovarci avrà la possibilità non solo di guardare la dimostrazione di TEMOMI ma anche di provare direttamente a lavorare le foglie: toccare le morbide foglie che sprigionano un profumofreschissimo di clorofilla durante la lavorazione è un’esperienza sensoriale unica!Per completare il viaggio alla scoperta del tè giapponese verrà proiettato un video delle piantagioni dell’area di Shizuoka, ove viene prodotto oltre il 40% del tè verde del paese del Sol Levante, e dell’intero processo produttivo .. dalla foglia alla tazza!

La partecipazione è libera, a tutti verrà offerta una tazza di tè verde giapponese.
Orari in cui si terrà, senza interruzione, la dimostrazione di TEMOMI:
– sabato 20 ottobre dalle 15 alle 18
– domenica 21 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18
Sede: galleria d’arte Gli Eroici Furori, via Melzo 30, a pochi passi da La Teiera Eclettica

Laboratorio di miscelazione e “kabuki cha”

sabato 20 e domenica 21 ottobre – Sotto la guida esperta dei produttori di tè apprenderemo l’arte della miscelazione che rende unici i tè verdi giapponesi e le regole per la loro preparazione ottimale. Avremo modo di partecipare a una sessione di KABUKI CHA anche nota con il nome di Tōcha 闘茶: si tratta dell’assaggio di alcuni tè alla cieca per individuarne le caratteristiche senza conoscere a priori il tipo di tè che si sta degustando.

Il laboratorio, della durata di due ore e mezza circa, si terrà in più sessioni ripetute presso La Teiera Eclettica, via Melzo 30:
– sabato 20 ottobre dalle 10:30 alle 13 (pochi posti disponibili)
– domenica 21 ottobre dalle 10:30 alle 13 (pochi posti disponibili)
– domenica 21 ottobre dalle 15:30 alle 18

Prenotazione richiesta: per richiedere informazioni sull’iscrizione al laboratorio inviare una mail a newsletter@teieraeclettica.it con il proprio nominativo, la sessione cui si desidera partecipare e un recapito telefonico.

Cha no yu 茶の湯

In occasione della visita della Maestra della scuola Omotesenke di Kyoto, Moriyama sensei, il 12 luglio 2018 abbiamo ospitato un incontro dedicato al Chanoyu o Sadō, la Cerimonia del tè giapponese.

Questa presentazione richiede JavaScript.

– Ichi-go Ichi-e : una volta nella vita – ogni incontro è irripetibile

Kocha 紅茶 – il tè nero giapponese

Sabato 26 maggio: abbiamo il piacere di proporvi un incontro speciale in cui avremo modo di assaggiare 3 tè neri prodotti in Giappone nel villaggio di Awai sull’isola di Nakajima nella prefettura di Ehime e confrontare i 3 diversi periodi di produzione del tè: primavera, estate, autunno.

Quando si pensa al tè giapponese viene subito in mente la produzione di tè verde che ha una storia di 800 anni e una produzione annuale di poco meno di 90.000 tonnellate. La produzione di tè neri è iniziata solo circa 150 anni fa durante il periodo Meiji, quando il Giappone ha iniziato ad aprirsi al resto del mondo, anche se per molti anni il tè nero prodotto non era in grado di competere con i tè di India e SriLanka. Kocha significa letteralmente “tè rosso”, con un’analogia rispetto a “HongCha” cinese: entrambi i termini fanno riferimento al colore rosso che si sprigiona in tazza dopo l’infusione. Oggi si contano circa 300 produttori di tè nero in Giappone, alcuni dei quali hanno iniziato la produzione di kocha negli ultimi 5-10 anni.

Il sapore dei Kocha è molto diverso dai tè neri prodotti in India, SriLanka e Kenya: è caratterizzato da una morbidezza unica con in retrogusto una lieve nota vegetale, più o meno evidente a seconda del produttore, e con un bouquet che spazia da legno fresco alla frutta sciroppata.

Awai è un piccolo villaggio sul mare situato nel nord est di Nakajima, l’isola principale nell’arcipelago di Kutsuna.
ll villaggio di Awai ha un passato di successo come enclave strategica nel Mar interno giapponese, poiché era il punto di sosta per molte navi mercantili dirette alle grandi città della regione del Kansai. Oggi l’industria agroalimentare, con particolare attenzione alla produzione delle varietà di arance, è protagonista sull’isola di Nakajima.

Una popolazione sempre più anziana ha trovato un’alternativa al duro lavoro in inverno per la raccolta delle arance: Awai è il luogo ideale per la coltivazione del tè, in particolare le piante utilizzate per la produzione di tè nero appartengono al cultivar benifuki.

Le degustazioni, gratuite, sono organizzate in due sessioni con al massimo 10 partecipanti per sessione:
–       Prima sessione alle ore 11:00 di sabato 26 maggio
–       Seconda sessione alle ore 14:00 di sabato 26 maggio
Per prenotazioni inviare una mail a newsletter@teieraeclettica.it indicando i nominativi dei partecipanti, la sessione di preferenza e un recapito telefonico.

Laboratorio di Furoshiki

Sabato 5 maggio dalle 11:00 alle 12:30

In collaborazione con le nostre amiche del gruppo “Il Furoshiki” impareremo a utilizzare il Furoshiki per confezionare borse e pacchetti regalo.

L’incontro è gratuito ma i posti sono limitati, vi chiediamo di confermare la partecipazione inviando una mail a newsletter@teieraeclettica.it indicando il vostro nome e un recapito telefonico.